Il grande inciucio: Telecom, Rai, Mediaset e Wind


dal sito http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=7936

Per evitare la “spagnolizzazione” di Telecom,
l’alternativa potrebbe essere una supersocietà della Rete, a cui
potrebbero partecipare anche Rai e Mediaset.

[ZEUS Newswww.zeusnews.it – 04-08-2008]

Bernabè risponde, ironicamente, ai suoi concorrenti che criticano le proposte di Telecom
per una nuova Rete aperta a tutti: “Per ora la Rete di nuova
generazione non esiste e sarebbe bene che tirassero fuori qualche soldo
invece di parlare soltanto”.

Per ora Telecom Italia sembra in un
pantano: i suoi maggiori azionisti, da Telefonica a Benetton a
Generali, maledicono il momento in cui sono entrati nell’azienda, il
cui titolo sembra avviato a una discesa senza fondo.

Intanto, la Rete a banda larga, necessaria allo sviluppo di un Paese come l’Italia (segnato dal digital
divide nei confronti dei suoi concorrenti europei ed extraeuropei, e da
un ancor troppo basso investimento in ICT) ha bisogno di ingenti
capitali che non si trovano: non li ha Telecom oberata dai debiti, ma
non li hanno i suoi concorrenti come Wind e 3; anche Vodafone,pur forte
in Italia, soffre di una difficile situazione internazionale.

Non ha soldi la Rai per adeguarsi al digitale e alla Web Tv;
i soldi li avrebbe Mediaset, ma la prospettiva di un Premier (pur forte
di un ampio consenso elettorale e di una maggioranza parlamentare
blindata) che faccia da padrone anche nella seconda azienda del Paese,
che controlla il 70% delle linee fisse e l’80% del mercato Internet, renderebbe incandescente il clima politico del Paese.

A questo punto lo scorporo della Rete da Telecom, in cui un
consorzio di imprese, televisive e telefoniche, pubbliche e private,
metta insieme le strutture trasmissive, frequenze, ripetitori e cavi di
Rai, Mediaset, Telecom Italia e la Rete Wind-3, potrebbe riuscire a
soddisfare vecchi e nuovi (Berlusconi) azionisti di Telecom: oltre
tutto a governare la Rete, nella proposta di Bernabè che piace al
presidente dell’Authority Canabrò, sarebbe un organismo nominato dalla
stessa Authority.

Quest’ultima a sua volta sarebbe nominata, per la maggioranza
dei suoi componenti, dalla maggioranza di governo, pur prevedendo una
quota per l’opposizione. Concorrenti nell’offerta dei servizi e nella
distribuzione dei contenuti, tutte queste aziende si servirebbero di
un’unica infrastruttura di rete.

Sarebbe una rinascita di quel “piano Rovati”, che Prodi aveva
mandato avanti (per rinnegarlo poco dopo), e che era stato duramente
criticato e contrastato dall’allora opposizione di centrodestra, mentre
oggi farebbe molto comodo a Berlusconi.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: