Il più grande e autorizzato furto di dati al mondo


dal sito http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=7445

L’associazione Cittadini di Internet: “Si sarebbe
potuto rispettare la legge del 1973 senza esporre i dati personali a
tutto il web”.

[ZEUS Newswww.zeusnews.it – 06-05-2008]

il più grande furto di dati

“La
pubblicazione on-line della lista dei contribuenti italiani è stata il
più grande e autorizzato furto di dati mai perpetrato da quando la rete
Internet è nata. Fra poco tempo, a causa di questa ennesima operazione
dannosa, assisteremo a crimini informatici di ogni genere
. È quanto ha affermato Massimo Penco, vice presidente dell’associazione Cittadini di Internet.

In un comunicato diramato dall’associazione si legge: “Si è
permesso di consultare, salvare o stampare la denuncia dei redditi
degli italiani prendendo spunto da un decreto del Presidente della
Repubblica (art. 69 D.P.R. 600/1973) che riconosce a chiunque il
diritto di accedere a simili dati, a prescindere da qualsivoglia valutazione sul motivo che spinge all’accesso”
.

“Il Vice Ministro e Sottosegretario al ministero dell’Economia e
Finanze Vincenzo Visco, però, non ha tenuto conto del fatto che la
suddetta legge è stata promulgata quando non si parlava neanche di Internet
(dal momento che 35 anni fa non si utilizzava ancora questo medium) e
delle problematiche che ci sono oggi con la Rete (cioè: furto
d’identità, phishing, tutela della privacy, ricatti ecc.)”.

“Pubblicando la lista dei contribuenti italiani nel portale della Agenzia delle Entrate, si è così messo a disposizione di tutti, anche dei criminali informatici, non solo la denuncia dei redditi, ma anche i dati personali (codice fiscale, indirizzo ecc.)”.

L’associazione suggerisce una soluzione alternativa alla messa online indiscriminata di tutti i dati: “sarebbe stato sufficiente inibire la copia dell’intero file
e creare un’area riservata, accessibile solo a chi aveva diritto o
interesse a consultare i dati attraverso la compilazione di un form
sicuro o l’invio della famigerata posta certificata PEC”
.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: