E’ possibile tagliare le tasse ?


dal sito http://lavoro.economia.alice.it/racconti/riduzione_tasse.html
Ma è possibile tagliare le tasse?

In Virgilio anche

Finanziaria 2008: agevolazioni e sconti fiscali

Tutti vogliono ridurre la pressione fiscale, il punto è capire come


Articolo tratto da lavoce.info

Ridurre la pressione fiscale
è una necessità per l’economia italiana. Ma è possibile farlo senza
sperperare i risultati sui conti pubblici ottenuti negli ultimi due
anni e anzi consolidando definitivamente la politica di risanamento? Se
congeliamo la spesa pubblica in termini reali ai livelli attuali si
liberano risorse sufficienti per portare il bilancio in pareggio e
nello stesso tempo finanziare un calo delle imposte. E il governo
potrebbe favorire il miglioramento della contrattazione nel settore
privato, legando salari a produttività in quello pubblico.

<!–

–>

pagina 1 di 2
 

<!– –> <!– –>

Ci sono due novità in questa campagna elettorale. La prima è che sembra esserci un consenso quasi unanime sulla necessità di ridurre le imposte.
Questa volta è il sindacato a promuovere il (no) tax day, chiedendo di
abbattere il prelievo su lavoratori dipendenti e pensionati. E molte
più proposte elettorali che in passato comportano riduzioni di imposte
piuttosto che incrementi di spesa pubblica.
La seconda novità e che c’è anche chi combina la riduzione delle imposte con il controllo della spesa pubblica. Lo ha fatto, ad esempio, Walter Veltroni all’assemblea costituente del Partito democratico, dove ha preso l’impegno di tagliare la spesa pubblica di un punto di Pil nel primo biennio.
Riteniamo
che ridurre la pressione fiscale sia una necessità per l’economia
italiana. Ma è possibile farlo senza buttare via i risultati ottenuti
negli ultimi due anni nel migliorare i conti pubblici e anzi
consolidando definitivamente la politica di risanamento delle pubbliche
finanze? E sono realistici gli impegni presi dai due maggiori
schieramenti? Se non lo sono, è possibile renderli qualcosa di diverso
dalle solite promesse elettorali?

È POSSIBILE CONCILIARE DETASSAZIONE E RISANAMENTO?

La detassazione dei redditi deve essere significativa per
influenzare i comportamenti di famiglie e imprese, stimolando l’offerta
di lavoro e gli investimenti. Tagli minimali alle imposte non servono a
nulla, se non a disorientare ulteriormente gli italiani, che si sentono
raggirati ogni qualvolta ci sono ritocchi al sistema impositivo. Una
riduzione significativa e sostenibile delle imposte deve però essere
inquadrata all’interno di un programma economico che coniughi crescita e stabilizzazione fiscale.
La tassazione eccessiva e l’elevato debito pubblico causano bassi tassi di crescita.
Ricondurre l’una e l’altro verso livelli “normali” contribuisce, come è
accaduto in Irlanda, ad avviare una ripresa della crescita economica.
Al tempo stesso, ridurre la pressione fiscale senza creare squilibri
nella finanza pubblica obbliga a operare veri e propri tagli alla spesa
per i quali è di norma difficile trovare il consenso. L’unico modo per
coniugare una significativa riduzione della pressione fiscale con la
stabilizzazione dei conti pubblici consiste nell’adottare un programma pluriennale
che guardi in avanti come si fece durante la virtuosa stagione della
lotta all’inflazione e dell’entrata nell’unione monetaria, quando le
parti sociali furono spinte a rendere compatibili le loro richieste con
il raggiungimento di questo obiettivo.

UN ESEMPIO

Ecco un esempio di come potrebbe essere strutturato un programma sostenibile di riduzione della pressione fiscale in Italia:

1. Si congela la spesa pubblica in termini reali.
Questo significa garantire l’offerta dei servizi pubblici ai livelli
oggi prevalenti, non tagliare la spesa, ma contenerne rigorosamente
l’evoluzione. La spesa pubblica sarebbe indicizzata all’inflazione ma
non al reddito reale. Cosi, ad esempio, se il Pil nominale cresce del 5
per cento e l’inflazione del 3 per cento, la spesa pubblica può
crescere del 3 per cento.
2. Invece, gli incrementi di gettito derivanti dalla crescita reale (non dall’inflazione) e quelli derivanti dal recupero di evasione fiscale vengono restituiti sotto forma di minori imposte ai
contribuenti. Cosi, nell’esempio precedente, il gettito in più dovuto
alla crescita reale del Pil del 2 per cento verrebbe reso ai
contribuenti, nel modo più trasparente possibile: ad esempio con una
riduzione del prelievo alla fonte o un abbattimento dell’Irpef, più o
meno proporzionale, a seconda degli obiettivi distributivi.

3. Questa pratica dovrebbe essere adottata come regola e
perpetuata per diversi anni in modo che i cittadini, lavoratori o
imprenditori, possano contare sui benefici fiscali in modo credibile e
stabile e quindi tenerne conto nelle loro scelte correnti di spesa,
investimento, partecipazione al lavoro, ore lavorate eccetera.
4.
Poiché il bilancio pubblico presenta ancora un disavanzo, la
restituzione dell’extragettito nella fase iniziale potrebbe essere
parziale (ad esempio, due terzi), destinando la rimanenza alla eliminazione del disavanzo e alla costituzione di una riserva per finanziare le fluttuazioni cicliche della spesa pubblica.

È REALISTICO RIDURRE LA PRESSIONE FISCALE DI UN PUNTO?

Una politica di questo tenore non solo è compatibile con il vincolo di bilancio dello Stato, ma stabilizza i conti pubblici.
Ogni punto di crescita del Pil reale si traduce in un più basso
rapporto spesa pubblica su Pil, imposte su Pil e debito sul Pil.
Poniamo che il prodotto interno lordo reale cresca a un tasso dell’1,5
per cento per 5 anni – ipotesi in linea con le stime della crescita del
nostro prodotto potenziale, coerente con l’andamento di lungo periodo
della nostra economia. Ciò significa un aumento di 7,7 punti nell’arco di una legislatura. Congelando la spesa pubblica in termini reali ai livelli attuali si liberano risorse sufficienti per a) portare il bilancio in pareggio e b) al contempo finanziare una riduzione delle imposte di un punto e mezzo. Se questo processo incentiva, come è ragionevole attendersi, un rafforzamento della crescita, la riduzione delle imposte può essere ancora più sostanziosa.

PERCHÉ NON SIANO LE SOLITE PROMESSE DA MARINAIO

Ovviamente questa politica impone un vincolo stringente alla spesa pubblica di
cui è necessario essere consci. Ma non è un vincolo irrealistico: lo
dimostrano i primi dati sull’andamento della spesa nell’ultimo anno. Riallocazioni di spesa da un capitolo all’altro sarebbero non solo possibili, ma anche desiderabili. Come pure possibili sono rivisitazioni dei meccanismi di determinazione dei salari dei dipendenti pubblici (la grossa componente della spesa) in modo da premiare chi lavora di più e meglio.
È questo peraltro l’unico vero modo con cui il governo può favorire il miglioramento della contrattazione nel settore privato: deve dare il buon esempio nel legare salari a produttività
nel settore pubblico. Eventuali aumenti salariali dei dipendenti
pubblici in termini reali possono provenire solo da guadagni di
efficienza e risparmi di spesa. I sindacati che oggi chiedono di
tagliare le tasse per tre quarti della popolazione italiana devono
realisticamente prendere atto di questo vincolo. E sapere che con
questo piano si creerà un forte gruppo di pressione (tutti i lavoratori
che beneficiano delle riduzioni fiscali) per snellire l’apparato
amministrativo e accrescerne finalmente l’efficienza.

Tito Boeri e Luigi Guiso

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: